Termografia impianti ed edifici

L’analisi termografica permette di studiare e verificare le temperature degli oggetti a distanza, senza contatto. Utile per verificare il corretto funzionamento delle apparecchiature elettriche e meccaniche e per l’analisi delle dispersioni termiche degli edifici. La norma UNI 10824-1 Prove non distruttive – Termografia all'infrarosso – definisce la termografia come “Metodo che permette di ottenere per mezzo di un'apparecchiatura termografica la distribuzione spaziale e l'evoluzione temporale della radiazione infrarossa proveniente dalla scena osservata, nell'intervallo di sensibilità della termocamera”. Quindi la termografia è una tecnica che consente di individuare e misurare a distanza il calore prodotto (e quindi la temperatura risultante) di un qualsiasi corpo.

L’uso della termografia nelle manutenzioni rientra in quello che la normativa definisce come “Manutenzione predittiva”: si tratta di un salto di qualità nel campo della manutenzione preventiva, in quanto permette, attraverso diverse tecniche, di individuare sintomi e segnali dell'impianto non di facile interpretazione e, di conseguenza, di mirare con maggiorprecisione gli interventi manutentivi. Si tratta quindi di una manutenzione preventiva (programmata) mirata. Nel settore elettrico, la termografia è sicuramente una delle più efficaci, insieme ovviamente alle attività di monitoraggio continuo delle grandezze fisiche in gioco (in particolare corrente, tensione, e temperatura).

Vantaggi

Le rilevazioni vengono effettuate a impianto o macchina in funzione, cioè sotto carico in quanto è necessario che i componenti siano attraversati da corrente per generare calore. Questo permette di non fermare o ridurre l'operativi tà dell'impianto durante la verifica;

  • Le rilevazioni vengono effettuate a impianto o macchina in funzione, cioè sotto carico in quanto è necessario che i componenti siano attraversati da corrente per generare calore. Questo permette di non fermare o ridurre l'operativi tà dell'impianto durante la verifica;
  • E' possibile analizzare il funzionamento dell'impianto a regime termico raggiunto (e normalmente è questa l'analisi richiesta), ma è possibile, anche esaminarne il comportamento durante il regime transitorio, cioè durante le fasi di avvio e fermata:
  • Un’attenta analisi costi-benefici può indicare un ritorno economico estrema mente conveniente, soprattutto su alcuni tipi di impianti; E' possibile effettuare misure anche a distanze di parecchie decine di metri;
  • La frequenza delle rilevazioni può essere contenuta nel tempo (annuali o semestrali);
  • Alcune compagnie assicurative applicano una riduzione dell'ammontare del premio della polizza sull'impianto, se viene dimostrata l'applicazione programmata di una tecnica di salvaguardia come la termografia ad infrarossi.